SPASSIGHJATE: U“CAPU FALU”:

Capu Falu

 

(SONU 1)

 Hè sempre un piacè tamantu quandu a spassighjata ci porta in Niolu chì u locu hè sempre una cria scantatu, prutettu è si tene tanti tesori.

U nostru scopu d’oghje hè una cosa chì si merita : in a squatra di e cime più alte di Corsica Falu tene u decesimu postu cù i so duiemila è cinquecentuquaranta metri di altura. U più d’issa cullata si face for’di chjassu  è u sparinatu hè impurtante.

Issu locu hè dinù quellu chì e mufre ci sò in casa soia è ci camperemu à scuntrà parechje mamme cù i so mufrelli. Sarà cusì subitu cappiatu u chjassu è sinu à a punta più insù.

Prestu prestu si vede a forma strana di Paglia Orba è u cateru maiò di a sarra. Cullendu nantu à parechji piani, di prima si ghjunghje à un stazzu trafalatu è po dopu passatu trà mezu à i larici, omu spunta nantu à e vistiche di i stazzi di Tilarba duv’ella ci hè una surgente chì ci hà da offre à u vultà un’arretta da rinfriscà si. 

(SONU 2)

Avà principianu l’affari serii è ci vole propiu ad attippà prima di pudè ghjunghje à u pede di u Capu à l’Inzecca è i so duiemila è duiecentunovantanove metri (pudia fà un sforzu quantunque!...). Aùh! Ùn si pò resiste è ci cullemu nantu, chì da quassù si hà da pudè gode a vista nantu à a strada digià fatta è quella chì ci ferma da fà.

Solu u tempu di scruchjà da a cima più insù ed eccu ch’è no partimu torna caminendu pè e straiate longhe è rimurose di petrichiccia chì à rombu di cresce ùn stanu tantu à diventà petronculi maiò. Ci pare avà di avè compiu di strazià, ma tandu ci accurghjimu ch’è no simu solu nantu à l’antecima è chì a vera cima hè à pena più inlà. Da fà ci pazientà è podassi fà ci pardunà, Falu ci porghje i fiori di unepochi d’érigérons di Paoli, chì sò fiori rari è endemichi.  

(SONU 3)

Eccu puru puru u cairn più altu: u squardu passa è vene da A Punta Minuta sinu à u golfu di Calvi, da Punta Crucetta à a Bocca eponima chì insegna duve si fala in direzzione di u rifughju di U Tighjettu ch’ellu si pò vede luntanu luntanu. Di pettu à noi a tappa più alta di u GR 20 marcata da a “punta di e petrichicce” è Cintu. Da quindi quelli chì spasseghjanu inghjò parenu tutti furmicule affaccendate è si sentenu e so voce ribumbà sinu à quì. Tuttu u so rimuschju, u lavu di Cintu u feghja à l’inghjò cù u so sguardu turchinu.

Da chè sunnià una bella stonda...